Obedience - Parliamo di cani

Obedience

L’Obedience è allo stesso tempo uno sport (a volte anche molto spettacolare) ed un addestramento.

Questa disciplina è nata per valutare la capacità del cane di accettare l’addestramento e inserirsi nella vita sociale. Essa in Italia viene riconosciuta nel 2002, col patrocinio da parte dell’ENCI di una gara svoltasi a Settimo Torinese, con lo scopo di selezionare cani vincenti in bellezza, ma anche caratterialmente, disponibili e ricettivi nei confronti dell’addestramento.

Essa può essere praticata da tutti i cani, anche dai meticci. Questi ultimi però, non possono concorrere in tutte le classi, né possono partecipare alle gare nelle quali sono in palio le candidature in nazionale, e che sono riservate ai cani iscritti al Libro genealogico del cane di razza o a un Libro delle origini riconosciuto dalla Federazione Cinofila Italiana.

La finalità dell’Obedience è stabilire una corretta relazione tra cane e padrone, aiutare il padrone a comprendere la natura del proprio cane, prevenire o correggere eventuali errori di comportamento, stabilire delle regole che rendano non solo possibile, ma piacevole e sicura la convivenza nell’ambito familiare e sociale.

Naturalmente per ottenere questi risultati è necessario seguire lezioni private in strutture specializzate.

Cane e padrone, sotto la guida di un istruttore, lavoreranno prima individualmente, per stabilire un corretto rapporto reciproco.

Successivamente le lezioni diventeranno sempre più difficili, con la presenza di altri due o tre cani, per simulare meglio quelle situazioni di disturbo che possono verificarsi nella vita quotidiana.

Rally-Obedience

Il Rally-Obedience è una disciplina meno rigorosa e più sportiva dell’Obedience tradizionale. Essa infatti unisce gli esercizi di obedience con un percorso obbligato. Cane e padrone in coppia, devono eseguire un percorso composto da un minimo di 12 ad un massimo di 18 stazioni, eseguendo gli esercizi indicati da cartelli disposti lungo il tragitto.

Il Rally-Obedience diverte molto sia il padrone che il cane, perché è meno rigoroso e molto più movimentato dell’Obedience tradizionale, ed è anche aperto a tutti i cani, di razza e meticci.